Da quando il primo gioco ha iniziato a pulsare sullo schermo di un computer fisso, il mondo dei videogames ha fatto passi da gigante e parecchi timori sulle sue pratiche sono state sdoganate.

Ad oggi, questa attività ludica non è considerata solo più un semplice intrattenimento ma un vero e proprio metodo per allenare e curare alcuni atteggiamenti, paure o patologie dell’essere umano.

Moltissimi studi medici stanno infatti sviluppando videogames immersivi per aiutare i propri pazienti.

Ma restiamo nel nostro piccolo, nelle console delle nostre case: lo sapevi che ci sono videogames che aiutano a sviluppare il gioco di squadra? Che sviscerano ogni suo aspetto da quello emotivo fino a quello di coordinazione? Ebbene, sono i giochi collaborativi, divertenti e altamente coinvolgenti.

Eccone 5 dai quali ti consiglio di iniziare e che non puoi assolutamente perderti!

Overcooked – Per chi vuole una cucina… particolare

Nonostante sia un gioco del 2016 Overcooked continua a raccogliere fan su fan. La storia prende le mosse da una sventura: il terribile mostro degli spaghetti sta distruggendo il mondo e il Re Cipolla ha incaricato te e i tuoi amici di fermarlo.

Per farlo dovrete superare singoli livelli in cui la sfida sarà cucinare e servire il maggior numero di clienti. Ovviamente lo stile cartoonesco si riflette anche nelle portare e nelle cucine altamente bizzarre che passano da quelle su quattro ruote fino a mongolfiere e zattere instabili.

Come in ogni cucina la parola d’ordine è collaborare, ma non vi basterà per superare la sfida: dovrete infatti darvi compiti precisi, ben suddivisi, e avere come minimo qualcuno che, al pari di uno chef, gridi le comande e gestisca il flusso di lavoro di tutti.

Il mio consiglio: se abitate in un condominio non giocateci di notte, i decibel delle vostre voci infatti raggiungeranno facilmente picchi altissimi.

Il divertimento però è assicurato, infatti il titolo, non ha solo avuto un sequel ma sta per avere una terza uscita intitolata Overcooked – All you Can eat.

The Dark Pictures – Un’antologia, una garanzia

Queta antologia di videogiochi, iniziata nel 2019, è nata da una delle case di produzioni più sotto i riflettori dai videogiocatori di oggi: la Supermassive Games.

Il loro primo gioco esce nel 2010 ma è dal 2015, con l’uscita di Until Down, che acquisiscono la loro prima firma distintiva. Il gioco è un’avventura horror e soprannaturale di gruppo in cui l’obiettivo è sopravvivere fino all’arrivo dell’alba in una casa di montagna isolata e vicino a un lugubre manicomio.

Il gioco ebbe così tanto successo che venne pubblicato anche uno spinoff per PlayStation VR, in cui ci si immerge in prima persona nella storia dello spaventoso manicomio.

Sulla scia di questo gradimento sempre più in aumento da parte del pubblico, nel 2019, come già detto, viene pubblicato il primo capitolo della serie antologica The Dark Pictures.

La raccolta, che viene incrementata di anno in anno con un nuovo gioco, è a tema horror e ogni titolo prevede un’avventura autoconclusiva.

Le storie per ora pubblicate sono due, con una terza in arrivo a breve: Man of Medan (disavventura di una gita in barca), Little Hope (incentrato su un villaggio maledetto) e House of Ashes (che dagli indizi sembra sarà ambientato in un’area archeologica).

Oltre ad avere storie altamente inquietanti e coinvolgenti la potenza (anche distruttiva) di questi giochi è che ogni minimo errore, ogni più piccola svista o decisione sbagliata, può costare la vita non solo al proprio personaggio ma anche a quello dei tuoi amici.

L’egoismo è vietato (a meno che non vogliate vendicarvi, ovviamente). Mano ferma sul joystick, rapidità di composizione dei tasti e mente lucida saranno alla base della vostra sopravvivenza.

Hidden Agenda – Cluedo non è mai stato così divertente

Questo titolo è fatto apposta per passare una serata in compagnia degli amici.

Prodotto dalla appena decantata Supermassive Games, Hidden Agenda è un gioco investigativo che può arrivare a coinvolgere fino a sei giocatori.

Tranquilli, non vi servirà un numero di joystick così alto poiché il titolo è pensato per la funzione PlayLink.

Di cosa si tratta? Semplice: alcuni giochi Ps4 sono giocabili tramite l’utilizzo di apposite applicazioni scaricabili su smartphone e tablet.

Per incominciare a giocare tutti assieme non vi basterà altro che scaricare l’app di Hidden Agenda, inserire il nickname ed ecco che sulla vostra TV si materializzeranno dei puntatori con i quali, muovendo il telefono, potrete effettuare le scelte e investigare sulle scene del crimine.

Questo videogames, però, è particolarmente interessante per alcune meccaniche di gioco che mette in campo.

Oltre a dover collaborare come si è soliti fare, con combinazioni di tasti e così via, i giocatori verranno anche chiamati a compiere scelte altamente determinati.

Tutti quanti, infatti, impersonificheranno lo stesso personaggio, un agente che investiga su un omicidio. Proprio per questo motivo, nei momenti cruciali della storia, non potranno giocare tutti insieme ma delegare ad un singolo player.

L’applicazione vi porrà così delle domande (per esempio chi ritenente più affidabile, più impulsivo o moderato e così via) e tramite una votazione segreta verrà eletto il prescelto.

Un modo non soltanto diverte per passare una serata ma anche per conoscervi più a fondo l’un l’altro e approfondire nel reale le dinamiche del vostro gruppo.

Away Out – Una fuga di prigione all’insegna della vendetta

Prima di raccontarvi qualcosa a proposito di questo gioco è necessario fare una piccola premessa.

La casa produttrice è l’ Hazelight Studios, che da sempre mira a creare giochi collaborativi, sperimentando meccaniche di gameplay e alzando l’asticella sempre più in alto.

Prima di questo titolo la casa fece parlare di sé grazie alla pubblicazione di Brothers: A Tale of Two Sons.

Da lì ha inizio la loro mission di creare videogames fuori dal comune e incentrati sul gioco di squadra. Il salto di qualità tra la loro prima uscita e Away Out si sente già, nonostante siano passati solo tre anni l’uno dall’altro.

Questo secondo videogames racconta di due galeotti che decidono di evadere per vendicarsi, chi per un motivo chi per un altro, di un boss della malavita.

Scappare però non sarà semplice e, ancora più difficile, sarà riuscire a portare a termine il piano vendicativo. La potenza di questo titolo, però, risiede soprattutto nell’impatto emotivo della storia sugli spettatori giocatori.

Il coinvolgimento e l’immedesimazione che vi ritroverete a provare vi metterà in serie difficoltà nel momento in cui i colpi di scena daranno una svolta alla vicenda.

Quindi: oltre a dover collaborare con l’amico che condividerà con te l’avventura, dovrai anche prendere decisioni difficili e prendere posizioni scomode.

Ad arricchire il tutto decine e decine di minigiochi e azioni nascoste che aumenteranno il livello di sfida tra i giocatori, sempre però rimanendo nel campo del divertimento fine a sé stesso senza degenerare in vera e propria competizione distruttiva.

Un altro buon motivo per recuperarlo è la possibilità di smezzarsi il prezzo d’acquisto. Basterà infatti possedere una singola copia per giocare anche online con qualcun altro.

Sugli store è infatti possibile scaricare una versione gratuita, creata ad hoc per giocare con l’amico a distanza.

It Takes Two – Quando il gameplay e la storia sono davvero magici

Fresco fresco di uscita questo gioco segna davvero una piccola svolta all’interno dei giochi collaborativi.

Anche questo titolo è firmato Hazelight Studios che, a pochi mesi dall’uscita di Away Out aveva annunciato di star lavorando a un videogames bizzarro e fuori dal normale, in cui la tecnica di gioco sarebbe stata rivista da cima a fondo.

Ebbene, dopo tre anni dall’uscita della storia sui due galeotti, ecco arrivare sugli scaffali l’attesissimo It Takes Two.

Per darvi subito un numero e un indicatore di quanto sia bello e divertente questo gioco, vi dico che proprio qualche giorno fa, il 13 ottobre, la casa di produzione ha annunciato di aver venduto 3milioni di copie.

Ma entriamo nel vivo: la trama narra di una bambina che, triste per l’annuncio del divorzio dei suoi genitori, acquista un libro su come ricucire i rapporti di coppia.

Quest’ultimo, però, non è un semplice elenco di consigli ma ha proprietà magiche. Infatti, dopo un pianto liberatorio della bambina su due bamboline raffiguranti la madre e il padre, essi si ritrovano intrappolati in quegli stessi giocattoli.

Crollati in un sonno senza via di fuga nella realtà, i genitori May e Cody devono così intraprendere un’avventura in giro per la casa per trovare il modo di spezzare l’incantesimo. A guidarli? Il libro ovviamente, che illustra a marito e moglie come far gioco di squadra.

I mondi che vi ritroverete ad esplorare non saranno banali stanze e giardini ma veri e propri universi, talvolta tendenti allo psichedelico.

Per riuscire ad uscirne illesi dovrete davvero unire le forze, far muovere le mani sul joystick allo stesso ritmo e darvi il via per premere i pulsanti in contemporanea.

A salvarvi saranno veri e propri ragionamenti per risolvere gli enigmi e trovare il modo perfetto per superare insieme ogni ostacolo che vi si presenterà sulla strada. Insomma: collaborazione pura. Ecco perché questo titolo è davvero rivoluzionario.

Ps. Anche in questo caso è disponibile la versione gratuita per giocare online con un amico e, proprio come in Away out, vi saranno decine di minigiochi nascosti. Vi basterà che uno dei due abbia comprato la versione originale e l’avventura potrà avere inizio.